Cerca
  • Sara Piccolo Paci

Un saluto a Chiara


Ho conosciuto Chiara Frugoni molti anni fa. Dapprima come sua lettrice e ammiratrice, ho poi avuto la possibilità di conoscerla personalmente, incontrandola e collaborando con lei in diverse occasioni.


Studiosa del medioevo, Chiara ci ha introdotto alla comprensione di opere d'arte complesse, come il Battistero di Parma, la Cappella degli Scrovegni, il Duomo di Modena, il complesso degli affreschi della Basilica d'Assisi, gli affreschi del Lorenzetti a Siena, ma anche lo studio della vita e la storia di due tra i santi italiani più amati: San Francesco e Santa Chiara.

Chiara ha anche affrontato più volte, con importanti ed innovativi contributi, il mondo medievale dal punto di vista femminile: oltre agli studi su Santa Chiara d'Assisi, come dimenticare "Vivere nel Medioevo. Donne, uomini e soprattutto bambini" (Bologna, 2017) o il più recente "Donne medievali. Sole, indomite, avventurose" (Bologna, 2021).


Tra i suoi testi più famosi ed intriganti il volume "Medioevo sul naso. Occhiali, bottoni, ed altre invenzioni medievali" (Roma-Bari, 2001) nel quale non mancano i riferimenti alla moda.





Dopo una prima conferenza tenuta assieme a Legnano, nel 2016, ci siamo tenute in contatto: ogni tanto le ho chiesto chiarimenti e informazioni su opere d'arte e monumenti sui quali aveva lavorato, altre volte è stata lei a chiedermi qualche informazione in più sulle vesti raffigurate nelle opere d'arte che stava studiando.



Nonostante la fama e l'apprezzamento globale di cui era oggetto, Chiara è sempre stata gentilissima e disponibile, ed io sono stata onorata di averla potuta conoscere personalmente.

Mancherà a tutti noi.

62 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti